Tutti sulla stessa barca

Pagare le tasse è opportuno soltanto in un caso, quando la moneta è di proprietà del popolo al momento dell’emissione, in tutti gli altri casi non lo è affatto, è tutt’altro, ovvero è mera complicità di un sistema criminale e corrotto. 

Se questa osservazione ti scandalizza e ti è già partito il giudizio mentale, non proseguire oltre, probabilmente non sei a conoscenza di molte magagne che sono davanti ai tuoi occhi e preferisci non guardare: beata ignoranza! E sono sincero, ignorare rende felicemente inconsapevoli.

Per te che ribolle il sangue a prescindere, posso provare a calmierare i tuoi istinti e magari stimolare qualche pensiero più logico e accorato e passare all’azione concreta e trasparente.

Arrivo al dunque, oggi le tasse servono a pagare parte del debito pubblico, ed una minuscola parte viene utilizzata per i servizi che ci spettano di diritto, è una dinamica che si ripete ovunque, guarda le strade – buche e asfalto di pessima qualità, autostrade – paghi quello che i tuoi nonni ti hanno lasciato in eredità (c<**o di eredità è!?) in più i ponti crollano addosso ai paganti,  treni e ferrovie biglietti alti, servizi mediocri e manutenzione superficiale ecc. ecc. Questo è il pattern che si ripete da qualche secolo a questa parte ed indovina un po’ le cause di questa ripetizione dove si trovano?

Spesso siamo portati ad ignorare le cause di questa dinamica, siamo quelli del chissenefrega, <<che ha fatto la juve ieri?>> <<Hai visto lo smalto che ha quella bambola in tv?>> <<Le mie caviglie, i capelli, i bicipiti, la pelle liscia…>> <<che ti hanno preparato a pranzo?>> << blablabla>>

Hai guardato con cura la vignetta in alto? Bene, chiediti se hai un secchio in mano in questo momento, oppure stai soltanto parlando di secchi e di possibili soluzioni…

parlare, blaterare fanno soltanto rima ma non sono il fare!

Danilo Lavorgna

Clicca e scaricati la video guida documentata e scopri il FARE, è gratuita ancora per poco.

Oppure fatti 2 risate con Maccio…risate amare!!!